25-marzo 2016: Rapporto situazione Sahara Occidentale

Bologna, 25 marzo 2016

Situazione Sahara Occidentale

“Rete Tifariti” in missione nel Sahara Occidentale al seguito della delegazione della Regione Emilia Romagna ha registrato l’entusiasmo e la speranza della popolazione e delle autorità Saharawi per la visita nei territori liberati del segretario delle Nazioni Unite Ban Ki Moon avvenuta nei primi giorni di marzo. Durante la missione ha visto tramutarsi questa aspettativa in delusione e preoccupazione per l’espulsione della rappresentante e del personale civile della MINURSO (Missione delle Nazioni Unite per il referendum nel Sahara Occidentale) dal Sahara Occidentale richiesta dalla autorità marocchine.

Il personale civile ha abbandonato la base del comando della missione ONU domenica 20 marzo 2016.

Le autorità e la popolazione hanno espresso la contrarietà e la preoccupazione per questa grave interferenza del Marocco nelle attività della missione ONU. Questa iniziativa allontana la possibilità che il cessate il fuoco e il processo di pace possano portare alla soluzione della questione Sahara Occidentale attraverso un pacifico referendum.

La popolazione che per decenni ha appoggiato pacificamente la ricerca diplomatica di una soluzione si sente abbandonata e teme che “venti di guerra” tornino a soffiare anche in questa regione. L’apertura di un nuovo fronte di guerra nell’area sahariana fanno intravvedere possibili inquietanti connessioni con le dinamiche terroristiche che si stanno espandendo nell’area.

Ci sentiamo in dovere di portare a conoscenza questa situazione e di appoggiare la richiesta delle autorità e soprattutto delle popolazioni che la MINURSO non venga condizionata e ridotta, ma che venga aggiornata estendendo la sua attività alla difesa dei diritti umani.

Chiediamo che ci si attivi affinché gli appelli della popolazioni saharawi vengano ascoltate, accolte e tradotte dalle nostre autorità in passi formali e concreti presso le istanze nazionali ed internazionali.

Ci associamo alle preoccupazioni saharawi temendo che il mancato sostegno della diplomazia renda inutile se non impossibile lo sforzo che la cooperazione decentrata porta avanti in sostegno del popolo saharawi.

Ass 1514 Oltre il muro (PD)

Ass TreCaSma (TN)

Cisp Emilia Romagna

Ass El Ouali Bologna

Nexus CGIL Emila Romagna

Uisp Emila Romagna

Ass Kabara Lagdaf Modena

Comments

comments